.
Annunci online

  liberalemani [ il blog di Diego Lanza ]
         

Dai diamanti non nasce niente
dal letame nascono i fior...
F
abrizio De Andrè

Di tutto ciò di cui
non possiamo parlare,
dobbiamo tacere...

Wittgenstein

“Un brindisi a voi uomini e fiere e uccelli, per questa notte solitaria nella foresta! Un brindisi per l’oscurità e il mormorio di Dio tra gli alberi, per la dolce e semplice melodia del silenzio nelle mie orecchie, per le foglie verdi e per le foglie gialle! Un brindisi per il suono della vita che ascolto, un muso che soffia contro l’erba, un cane che fiuta la terra! (…) Un grazie per la notte solitaria, per i monti, per il rumore del buio e del mare che mormora dentro il mio cuore! Un grazie per la mia vita, per il mio respiro, per la grazia di vivere questa notte, un ringraziamento con tutto il mio cuore. Ascolta ad oriente e ascolta ad occidente, oh ascolta. E’ Dio l’eterno! La quiete che sento nelle mie orecchie è il sangue che ribolle, Dio che tesse la trama del mondo e di me stesso”.
(Knut Hamsun)


Mails:
leaderone1@excite.it
diegolanza@libero.it

Home LIUC



"Ebbi ben presto abbastanza
 chiaro che il mio lavoro
 doveva camminare su due
 binari: l'ansia per una
 giustizia sociale che ancora
 non esiste e l'illusione
 di poter partecipare,
 in qualche modo,
 a un cambiamento del mondo.
 La seconda si è sbriciolata
 ben presto, la prima rimane".

 Fabrizio De Andrè


- Top Movie -

La stangata
Il grande Lebowsky
L'attimo fuggente
C'era una volta in America
Fratelli
Santa Maradona
Viaggio senza ritorno
Good Morning Vietnam!
Nuovo Cinema Paradiso
Mediterraneo
Smoke
I ragazzi della 56° srada
Compagni di scuola
Il grande freddo
Fuga per la vittoria
Cotton Club
Hair
I tre giorni del condor
Nel nome del padre
La voce della luna
Quei bravi ragazzi
Pulp fiction
La grande fuga
Il buono,il brutto,il cattivo
Gli spietati
La stanza del figlio
America oggi
Magnolia
Caro diario
Milion dollar baby
The milion dollar hotel
Fratello dove sei?
L'uomo che non c'era
Fargo
Leaving Las Vegas
Il cacciatore
King of New York
Marrakech Express
Fuga di mezzanotte
Palookaville
L'estate di Kikujiro
Sonatine
Crocevia della morte
2001 odissea nello spazio
Arancia Meccanica
........!!



"Recuperarono le reti i pescatori
piene di spazzatura
ed umiliati si ritirarono
alla montagna dal mare
alla montagna dal mare
E avvicinarono la fiamma alla foresta
fino a vederla bruciare
così ho visto altri uomini fare
e fare segno di tacere
fino a vederla bruciare
Ma io sì che mi sono tuffato
in un campo di pallone
da un palo all'altro ho volato
per afferrare un pallone
e le ginocchia di rosso ho colorato
E quanto al mio povero nome
in quali alberghi l'ho lasciato
E quante notti l'ho sentito chiamare
prima ancora che il vento cominciasse a soffiare
prima ancora che il vento cominciasse a soffiare
Recuperarono le reti i pescatori
e si sentiva cantare un canto
erano acqua le parole
era triste quel canto
e ritornavano dal centro della terra
io così ho sognato di loro
portatori di luce ed inventori
e cercatori d'oro.
Ma io sì che mi sono lanciato
da un punto all'altro di un amore
più di una volta ho volato
per inseguire una amore
e le mie notti di bianco ho colorato
e quanto al mio povero cuore
in quali alberghi l'ho lasciato
e quante notti l'ho sentito gridare
prima ancora che il vento cominciasse a soffiare
prima ancora che il vento cominciasse a soffiare.
Recuperarono le reti i pescatori
dal profondo del mare
MiraMare 19.4.89



La storia siamo noi nessuno si senta offeso
siamo noi questo prato di aghi sotto al cielo
la Storia siamo noi attenzione nessuno si senta escluso,

La storia siamo noi
siamo noi queste onde nel mare
questo rumore che rompe il silenzio
questo silenzio così difficile da masticare
e poi ti dicono tutti sono uguali
tutti rubano alla stessa maniera
ma è solo un modo per convincerti
a restare in casa quando viene la sera,
però la storia non si ferma davvero davanti ad un portone
la storia entra dentro le nostre stanze e le brucia
la storia dà torto dà ragione
La storia siamo noi
siamo noi che scriviamo le lettere
siamo noi che abbiamo tutto da vincere,
tutto da perdere

Poi la gente perchè è la gente che fa la storia
quando è il momento di scegliere e di andare
te la ritrovi tutta con gli occhi aperti
che sanno benissimo cosa fare
quelli che hanno letto un milione di libri
e quelli che non sanno nemmeno parlare
è per questo che la storia dà i brividi
e nessuno la può cambiare
la storia siamo noi
siamo noi padri e figli
siamo noi bella ciao che partiamo
la storia non ha nascondigli
la storia non passa la mano
la storia siamo noi
siamo noi questo piatto di grano.




22.06.2006 L'immagine più bella.


Magritte Rene - La Chateau des Pyrenees

Rene Magritte- Le château des Pyrénées



locandina del film IL BUONO, IL BRUTTO, IL CATTIVOlocandina del film C'ERA UNA VOLTA IN AMERICA

locandina del film C'ERA UNA VOLTA IL WEST

"Gas" (1940) - E.Hopper

"Serata a Cape Cod" (1967) - E.Hopper



15 maggio 2008

Chiudiamola così. E' stato bello.

Ebbene sì, non è affatto un capolinea, però è una decisione ormai maturata da tempo. In realtà già qualche tempo fa avevo iniziato a scrivere circa questa mia intenzione, però una strana circostanza di disconnessione del mio pc non mi ha permesso di postare appena concluse le mie considerazione. E giuro che in quel frangente sono stato molto più incisivo e approfondito di adesso, con qualche punta qua e là anche di malinconia che delle volte non guasta. 
Quando ho iniziato con questo blog tutto è nato un pò per gioco un pò per via dei continui inviti a farlo da parte del mio caro amico Francesco (alias Starsailor). Attenzione il ragazzo è cresciuto.
Tanti stimoli ricordo, tanta voglia di scrivere e di contestare che non è affatto sopita. Ma forse sono cambiati un pò i tempi, forse un pò io, ma alla fine non è neanche questo. E' che è arrivato il momento di dire stop per ciò che concerne liberalemani, tutto qua. Io continuerò sicuramente e certamente a dire comunque la mia e a rompere le scatole da qualsiasi altra parte. Forse più avanti si riproporrà l'idea di un sito, magari qualcosa di più professionale e comunque di concerto con altri, una sorta di forum accessibile a 4,5 amici ove poter dibattere su ciò che ci pare. Ma chissà poi magari non se ne farà nulla, boh. Quest'esperienza è stata da una parte abbastanza intensa per via comunque dell'interesse soprattutto iniziale alla cosa, certo che è stato pur piacevole conoscere un pò di gente, più simpatica o meno, il che ha fatto comunque piacere. Però in questa sede non mi va di fare commiati, o di intristire banalmente direi il tutto. Chi ho apprezzato in questa sede ne ha avuto conoscenza all'istante. Lo stesso vale per chi ho censurato. Per cui direi che va bene così, il saluto vale per tutti, soprattutto per chi ne avesse il piacere o che ne avesse avuto nel conversare col sottoscritto. Anticipo che lo spazio rimarrà aperto per un determinato periodo ma sostanzialmente è chiuso, per cui sottolineo che non è mancanza di rispetto ma non provvederò a rispondere ad eventuali commenti. Però il mio amico Francesco colgo l'occasione per salutarlo e ringraziarlo del mondo che grazie a lui ho avuto il piacere di scoprire ed esplorare.

Diego Lanza  
 




permalink | inviato da liberalemani il 15/5/2008 alle 19:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


sfoglia     marzo       
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom